Indietro
1920x580

Zanzare: l’anidride carbonica le attrae!

Ecco come difendersi

Sapevate che le zanzare sono molto attratte dall’anidride carbonica? Ammoniaca e acido urico si uniscono all’effetto del calore e risultano particolarmente appetitosi per le zanzare. Anche l’acido lattico, conseguente a una attività sportiva, risulta aroma che le zanzare fiutano a distanze significative. In particolare, la temperatura del corpo aumenta mentre facciamo ginnastica o qualsiasi attività e per le zanzare è come una tartare per un carnivoro! La ragione per cui spesso veniamo punti intorno a piedi e caviglie spiega come mai quella parte del corpo sia così bersagliata. 

Perché di giorno no? L’eccesso di caldo è sgradito alla zanzara, che rischia di morire. Il mito del “sangue dolce” è falso! Più che altro, la zanzara tende a colpire soggetti che hanno un sangue con maggior carico di grassi. Inoltre pare che le zanzare preferiscano il gruppo 0 rispetto al B o all’A.

Verso sera, quando la temperatura diminuisce, può uscire. Ci sono oli essenziali che risultano molto sgraditi alle nostre amiche vampire. Ad esempio, l’olio essenziale di lavanda messo a piccole gocce accanto al guanciale (non sopra se no lo macchia) le terrà a debita distanza perché detestano quella fragranza. Poi, l’olio essenziale di rosmarino e di eucalipto. Il geranio è arcinoto, ma non basta la piantina sul balcone, dobbiamo acquisirlo sotto forma di essenza dal forte sentore. Altri olii che aiutano sono citronella, andiroba e neem.

zanzare

Eventi

GrigliAmo, il robot piglia tutto

E c’è lo “zampino” di Cracco